• Italiano

Monitoraggio di composti volatili tossici nell’aria ambiente senza l’ausilio di fluidi criogenici

Il rilevamento di 70 composti target, che variano in volatilità dal propene al naftalene e che includono composti termicamente labili come il metil mercaptano, è dimostrato con un’eccellente forma del picco e prestazioni analitiche eccellenti.
L’uso della rivoluzionaria tecnologia di Dry-Focus3™ di Markes per la gestione dell’acqua permette il trasferimento completo di composti polari e solforati con un eccellente cromatografia un limite medio di rilevabilità del metodo di 0,104 mg/m3.

Descrizione

Il sistema analitico si compone di: autocampionatore CIA Advantage-xr™ per canister e bag, completo di dispositivo di rimozione dell’acqua Kori-xr™, desorbitore termico UNITY-xr™ e GC/MS Agilent.

I campioni possono essere prelevati utilizzando un loop campione da 0,5 mL o un mass flow controller (MFC). Queste opzioni di campionamento consentono l’analisi di campioni sia ad alta che a bassa concentrazione in un’unica sequenza automatizzata, eliminando di fatto la necessità di diluire i campioni e il rischio associato di contaminazione e aumento dell’incertezza analitica.
Il flusso del campione passa attraverso il modulo Kori-xr, dove l’umidità viene rimossa selettivamente, prima di raggiungere la trappola di focalizzazione nel termodesorbitore UNITY-xr dove avviene la preconcentrazione degli analiti.

Per ottenere risultati ottimali con aria ambiente al 100% di umidità relativa, la quantità di acqua residua che raggiunge il GC-MS deve essere estremamente bassa. Per raggiungere questo obbiettivo, Markes ha sviluppato l’approccio Dry-Focus3 – un meccanismo unico di focalizzazione e gestione dell’acqua – e una trappola di focalizzazione ottimizzata per l’analisi di VOC, VVOC e composti contenenti zolfo nell’aria umida senza fluidi criogeni.

Durante l’iniezione nella colonna GC, l’analista ha la possibilità di splittare o di iniettare tutto il campione in un’analisi splitless.
Un campione splittato può essere inviato al vent o inviato a un tubo assorbente pulito per conservarlo allo scopo di poterlo rianalizzare se necessario.
La raccolta e la conservazione dei campioni in tubi evita la necessità di conservare i campioni in contenitori ingombranti, risparmiando spazio in laboratorio e prevenendo eventuali reazioni di degradazione.
Lo splittaggio e il recollecting del campione possono essere completamente automatizzate aggiungendo alla configurazione un autocampionatore per tubi ULTRA-xr™.

I campionatori ULTRA-xr e CIA Advantage-xr possono essere parte della stessa sequenza in questo modo è possibile eseguire campioni raccolti su tubo e campionati in canister senza bisogno dell’intervento dell’utente tra un tipo di campione e l’altro.

Sperimentalmente, l’aggiunta di composti solforati reattivi oltre l’elenco degli obiettivi del metodo EPA TO-15 ha evidenziato l’inerzia del percorso del flusso dell’intero sistema analitico TD.
Questo, in combinazione con il recupero quantitativo anche dei composti TO-15 più pesanti alle basse temperature richieste per l’intrappolamento delle specie labili dello zolfo, dimostra la versatilità del sistema CIA Advantage–Kori–UNITY-xr e la capacità di soddisfare i requisiti più impegnativi previsti dai metodi di monitoraggio.

La capacità del sistema CIA Advantage-xr di campionare, oltre che da canister e bag, anche da fonti non pressurizzate espande l’applicazione della configurazione strumentale al monitoraggio in linea e in continuo.

Note Applicative
Innovative cryogen-free monitoring of volatile toxic compounds in ambient air
Dimensione del file: 4 MB

Download

Completa la registrazione per effettuare il download

Informativa Privacy

Richiedi informazioni

Compila il form per essere ricontattato dal responsabile linea Daniele Morosini

    Informativa Privacy
    Iscrizione SRA Technical News:*
    do il consensonon do il consenso
    Attività di marketing:
    do il consensonon do il consenso