• Italiano

Scienza del patrimonio: Pirolisi analitica per l’analisi di composti organici

Analisi qualitative e semiquantitative di materiali organici in oggetti del patrimonio antico e moderno, basate sulla pirolisi analitica accoppiata alla spettrometria di massa

Descrizione

La tecnica analitica PY-GC/MS trova applicazione nella caratterizzazione di molecole e polimeri di medio-basso peso molecolare in oggetti del patrimonio artistico per diversi fattori, tra cui:

  • quantità minima di campione necessaria
  • non occorre sapere in anticipo che cosa ci sia nel campione
  • pretrattamento minimo del campione – il rischio di contaminazione è un problema quando i campioni sono unici
  • adatta per un’ampia gamma di analiti e pesi molecolari
  • idonea per miscele – gli oggetti d’arte e storici sono spesso miscele di materiali diversi e polimeri (lignocellulosici, proteine, oli essiccanti polimerizzati, resine, materiali di conservazione)
  • tempi di analisi rapidi – alcuni oggetti storici hanno una composizione altamente eterogenea – molti campioni devono essere confrontati per ottenere una rappresentatività delle informazioni chimiche.

La pirolisi analitica e la tecnologia μFurnace Pyrolyzer consentono di:

  • ottenere informazioni qualitative e semiquantitative di materiali organici in oggetti del patrimonio antico e moderno
  • determinare la composizione, i processi di invecchiamento, le interazioni
  • supportare la conoscenza degli oggetti del patrimonio e lo sviluppo di strategie di conservazione.

Con le tecniche Pirolisi-GC/MS e Pirolisi-MS è possibile ricavare informazioni chimiche dettagliate per studiare polimeri sintetici nell’arte moderna.

La spettrometria di massa per analisi di gas evoluti (EGA-MS) e la Py (multi-shot)-GC/MS consentono di:

  • caratterizzare polimeri sintetici nell’arte a livello molecolare, studiando selettivamente le diverse frazioni evolute a diverse temperature
  • ottenere informazioni sui diversi componenti delle miscele, compresi additivi e pigmenti organici, separandoli in base alla loro temperatura di degradazione termica
  • indagare i meccanismi di degradazione e ottenere dati semiquantitativi su fenomeni di reticolazione, scissione di catena, formazione o perdita di componenti a basso peso molecolare.

Richiedi informazioni

Compila il form per essere ricontattato dal responsabile linea Federico Sacco

    Informativa Privacy
    Iscrizione SRA Technical News:*
    do il consensonon do il consenso
    Attività di marketing:
    do il consensonon do il consenso