• Italiano

PDD Pulsed Discharge Detector


Tecnologia:Detector GC

VICI

PDD Pulsed Discharge Detector

Descrizione

Il rivelatore VICI PDD utilizza come fonte di ionizzazione una carica stabile, a bassa potenza e a impulso DC in elio.
Le performance sono uguali o migliori rispetto a quelle che si possono registrare utilizzando un rivelatore con fonti radioattive convenzionali.

Nella modalità rivelatore a cattura elettronica, il PDD si dimostra un rivelatore adatto a monitorare l’alta affinità elettronica dei componenti, come i freon, i pesticidi clorurati e altri componenti alogenati.
Per questi tipi di componenti, la quantità minima rilevabile (MDQ – minimum detectable quantity) è a livello di femtogrammi (10-15) o picogrammi (10-12).
Il PDD possiede caratteristiche di sensibilità e di risposta simili a quelle di un ECD convenzionale e può operare a una temperatura fino a 400°C.
Per le operazioni effettuate in questa modalità, l’He e il CH4 vengono introdotti a monte dall’uscita della colonna.

Nella modalità fotoionizzazione dell’elio, il PDD si presenta come un rivelatore universale, non distruttivo e altamente sensibile.
La risposta ai componenti inorganici e organici è lineare lungo un’ampia gamma.
La risposta ai gas fissi è positiva con un MDQ nel range ppb basso.
Il PDD in modalità fotoionizzazione dell’elio è un eccellente sostituto dei rivelatori a ionizzazione di fiamma, nei casi in cui l’uso della fiamma e dell’idrogeno può essere problematico.
Inoltre, quando l’efflusso del gas elio è unito a un gas nobile compatibile, come l’argon, il cripton o lo xeno, il PDD può funzionare come un rivelatore specifico a fotoionizzazione per la determinazione selettiva di alifatici, ammine così come di altri componenti.

Prodotti correlati

Richiedi informazioni

Compila il form per essere ricontattato dal responsabile linea Luigi Cobelli

Informativa Privacy
Iscrizione SRA Technical News:*
do il consensonon do il consenso
Attività di marketing:
do il consensonon do il consenso